Madaline Stuart: la storia di una grande modella

Madaline Stuart: prima modella con la sindrome di Down

Madeline Stuart, 23 anni, di origini australiane, è la prima modella con la sindrome di Down ad aver sfilato a New York, nel 2015. La sua storia inizia quando, insieme alla madre Rosanne, arriva alla sfilata di Brisbane che si tiene ogni anno.

Madaline si innamorò dello spettacolo, tanto da decidere di voler diventare una modella. La madre la aiutò: andarono da un fotografo professionista che le scattò una foto truccata e ben vestita. La foto fu pubblicata su Facebook…

Quella foto raccolse circa 7 mln di views in una sola settimana e la sua storia fu raccontata sui siti di tutto il mondo. Nell’arco di un mese lo stilista Hendrik Vermeulen le chiese di partecipare alla sua sfilata alla Settimana della moda di New York dando iniziò alla sua carriera da modella.

Inizia così a sfilare per tutte le Settimane della moda newyorkese fino ad essere scelta anche per quelle di Londra, Parigi e Dubai.

La storia e la tenacia di Madeline ispirano così altre ragazze con sindrome di Down che hanno deciso di seguire il suo esempio arrivando, anche loro, a sfilare per le passerelle di New York.

«Per me è molto emozionante perché dimostra che ho cambiato il modo in cui l’industria della moda considera la diversità», ha commentato in un’intervista a TeenVogue.

Nel 2020 arriva al cinema con un documentario sulla sua storia, Maddy the model , impegnandosi a dimostrare che il suo lavoro vale quanto quello di una qualsiasi modella: «Merito di essere trattata come le altre. Lavoro duramente quanto loro».


Contenuto tratto da Il Post Moda

Ph: Pagina Facebook di Madaline Stuart

Segui la nostra rubrica #VinciTeStesso sui nostri profili social

Blog

Ultime News

Maysoon Zayid: Vinci Te Stesso

Maysoon Zayid è un’attrice, comica e attivista statunitense di origini palestinesi affetta da paralisi cerebrale, come lei stessa si definisce, che ha dedicato la sua vita a integrare gli studenti disabili nel sistema educativo mondiale, con un’attenzione particolare ai rifugiati palestinesi e agli studenti a cui è stato negato l’accesso in tutti gli Stati Uniti d’America.
Leggi tutto »

Questo sito usa cookie tecnici e di profilazione. Consulta la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni.