5 buoni motivi per fare teatro

5 buoni motivi per fare teatro

Vanessa Redgrave diceva “Teatro e poesia erano cose che hanno aiutato le persone a rimanere in vita. E vogliono continuare a vivere.”

È proprio vero. Il teatro ha da sempre accompagnato le persone nelle loro vite. Fin dai tempi in cui esso rappresentava un modo di trasformazione di cerimonie sacre, durante le quali i sacerdoti rappresentavano davanti ai fedeli episodi dei miti più conosciuti; da quando gli spettacoli erano organizzati dalle polis e si svolgevano in onore del dio Dioniso, nei primi momenti della primavera, fino ad arrivare ai nostri attuali spettacoli teatrali.

Da sempre, cioè, il teatro ha trovato il modo di entrare nelle nostre case e sopravvivere nel tempo, rendendosi indispensabile per la nostra cultura.

Ed ecco che in questo articolo desideriamo suggerirti cinque buoni motivi per cui fare teatro può migliorarti la vita:

 

UNISCE LE PERSONE E FACILITA LA SOCIALIZZAZIONE.

È vero, i corsi di teatro partono da un approfondito lavoro individuale in grado di valorizzare le proprie capacità scoprendo una nuova espressività del proprio corpo e della propria identità; ma il teatro non ama la solitudine, anzi, il lavoro di ognuno si rifletterebbe poi nelle attività di gruppo. Questo aiuta alla socializzazione e a sentirsi parte di un team in cui ogni personaggio è legato inevitabilmente all’altro. Il lavoro di squadra parte certamente dal lavoro effettuato sul proprio personaggio e su sé stessi, ma viene effettivamente consolidato dall’unione che si crea con il resto del cast.

TI AIUTA A VINCERE TE STESSO.

Ognuno di noi viaggia con due bagagli: quello delle esperienze e quello delle paure. E quando le ultime frenano le prime si rischia di rimanere fermi nella stessa posizione, con la sensazione di vivere in bilico tra una scelta e l’altra. I propri limiti, timori, ansie spesso ci offuscano la mente tenendoci in pugno come mosche. La verità è che la forza di affrontare le nostre paure si trova proprio in fondo a quel bagaglio e spesso la chiave per uscirne è proprio affrontarle fino ad arrivare in fondo.

Il teatro ti aiuta a vincere te stesso e a crescere come persona. Il teatro ti insegna a non avere paura del pubblico o di esibirsi di fronte ad un’altra persona, anzi, ti fa conoscere una parte di te che forse nemmeno conoscevi. Sul palco puoi essere chi vuoi, interpretare qualsiasi personaggio, essere un’altra persona, vedere il mondo da un’altra prospettiva con occhi diversi dai tuoi… tutto questo senza necessariamente andare in crisi. Il palcoscenico ti spoglia dei vestiti ormai vissuti ricoprendoti con ricordi e costumi nuovi per mostrarti una nuova realtà.

INSEGNA A PARLARE IN PUBBLICO.

Le tecniche del teatro ti aiuteranno non solo ad affrontare uno spettacolo teatrale, ma qualsiasi contesto in cui ti troverai: presentazione di un progetto, un esame universitario, piuttosto che un colloquio di lavoro. Il palcoscenico ti insegnerà a educare e a prendere il controllo della tua respirazione, a sviluppare un certo equilibrio, a farti avere coscienza del tempo, dello spazio e del ritmo e ancora del corpo e delle espressioni del movimento. Impererai a controllare il tono di voce, il rilassamento psico-somatico e a costruire un vocabolario coreografico personale. Tutto ciò gioverà alla tua autostima, rendendo il palco il tuo posto sicuro in cui sentirti a tuo agio.

 

ALLENA LA MEMORIA E L’ATTENZIONE.

Per la buona riuscita di uno spettacolo teatrale è necessario un buon studio, allenamento e concentrazione. Memorizzare le parti all’inizio potrà sembrare difficile, ma è solo questione di allenamento e abitudine! Presto non solo imparerai a ricordare con facilità parti sempre più lunghe, ma a memorizzare anche i movimenti da fare durante la scena e i vari spostamenti. Quando sei in scena è bene che tu sia ben concentrato, perché le distrazioni non sono concesse: se tu o il tuo compagno doveste trovarvi in difficoltà, l’uno o l’altro dovrà trovare il modo di rimediare senza che il pubblico possa accorgersene. L’allenamento costante a mantenere vivida l’attenzione e la memorizzazione della parte sarà utile anche per le situazioni non strettamente legate al teatro. Studiare per un esame o memorizzare un discorso da fare sarà molto più semplice del previsto!

STIMOLA LA CREATIVITÀ E L’EMPATIA.

La recitazione è l’unica arte che ti permette di vivere tutte le vite che vuoi. Mettersi nei panni di un personaggio non è sempre semplice, il regista potrebbe affidarti delle parti conformi al tuo carattere oppure diametralmente opposte al tuo modo di vedere il mondo. Mettersi nei panni di un’altra persona però può non bastare: quando si recita bisogna anche essere convincenti. È necessario, pertanto, imparare ad essere ciò che non si è e convincere l’altro di stare ad ascoltare proprio quel personaggio, immaginare le emozioni e le sensazioni che egli, con il suo determinato carattere, sta vivendo in quella determinata situazione. La guida del maestro o dell’insegnante è di fondamentale importanza per imparare un nuovo modo di creare, un modo, cioè, empatico e volto verso il prossimo. Ecco, il teatro ti insegnerà sostanzialmente a migliorare la tua capacità di capire e comprendere appieno il prossimo.

La verità è che, alla fine di questo articolo, dovresti porti un’unica e vera domanda: “Perché ancora non sto facendo teatro?

Corri alla ricerca di un corso teatrale vicino a te, potrebbe cambiarti la vita!

Ma se sei uno studente universitario iscritto ad uno degli atenei delle province di Bari, Foggia o Lecce abbiamo una buona notizia da darti: per te il corso è completamente gratuito e potrai iscriverti al nostro laboratorio di teatro del progetto RotteVariabili, finanziato da A.D.I.S.U. Puglia.

Le iscrizioni sono aperte e per iscriversi basta scaricare qui la domanda di partecipazione e inviarla compilata in ogni sua parte a info@rottevariabili.it

Vuoi altre informazioni? Ti aspettiamo sui nostri profili social oppure contattaci!

Seguici sui nostri profili social

Blog

Ultime News

Maysoon Zayid: Vinci Te Stesso

Maysoon Zayid è un’attrice, comica e attivista statunitense di origini palestinesi affetta da paralisi cerebrale, come lei stessa si definisce, che ha dedicato la sua vita a integrare gli studenti disabili nel sistema educativo mondiale, con un’attenzione particolare ai rifugiati palestinesi e agli studenti a cui è stato negato l’accesso in tutti gli Stati Uniti d’America.
Leggi tutto »

Questo sito usa cookie tecnici e di profilazione. Consulta la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni.